full
image
#666666
http://wec-italia.org/wp-content/themes/zap-installable/
http://wec-italia.org/
#4a90c2
style2
(0039) 06 51605091 - 06 51435403
Via Mosca 32, 00142 Roma

Posts Tagged ‘Turchia

31
gen

Secondo i dati dell’Istituto di Statistica turco (TUIK), le importazioni di carbone termico della Turchia sono cresciute a 30,4 milioni di tonnellate nel 2016, segnando un aumento record del 9% su base annua, mai registrato in passato dal paese. Solo nell’ultimo triennio, le importazioni del paese sono cresciute di quasi 10 milioni di tonnellate.

21
dic

La Banca Mondiale ha approvato due prestiti, ciascuno di 400 milioni di $, che saranno destinati allo sviluppo del progetto Trans-Anatolian Natural Gas Pipeline (TANAP), il gasdotto di 1.850 km. tra Azerbaijan e Turchia del valore di circa 8,6 miliardi di dollari in cui e la compagnia petrolifera statale dell’Azerbaigian (SOCAR) detiene una partecipazione 58%, la turca BOTAŞ Petroleum Pipeline Corporation una quota del 30% e la major BP una quota 12%.

11
ott

A margine del World Energy Congress di Istanbul, Russia e Turchia hanno firmato un nuovo accordo bilaterale per lo sviluppo del gasdotto TurkStream. L’ intesa prevede la costruzione di due linee attraverso il Mar Nero (ciascuna di 15,75 miliardi di metri cubi/anno di capacità) e di una linea sulla terraferma per il trasporto del gas fino ai confini della Turchia con l’Europa.

18
mar

A Kars, in Turchia, alla presenza del Presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan, del Presidente dell’Azerbaijan Ilham Aliyev e del Presidente della Georgia Giorgi Margvelashvili, il 17 marzo 2015 si è svolta la cerimonia inaugurale della costruzione del gasdotto Trans-Anatolian Natural Gas Pipeline (TANAP), che porterà in Europa il gas naturale proveniente dai giacimenti di Shah Deniz dell’Azerbaijan, attraversando Georgia e Turchia lungo un tragitto di 1.850 km.

06
feb

In base al suo X° Piano di Sviluppo, la Turchia intende investire nel settore dell’energia un totale di circa 50 miliardi di $ (circa 44 mld di Euro) tra il 2015 e il 2018, che saranno principalmente indirizzati nel settore idroelettrico (16 mld di $) e nucleare (11 mld di $), al fine di diversificare il mix energetico e ridurre la dipendenza dalle fonti fossili.

18
giu

In Turchia, i piani tracciati poco più di un anno fa per la trasformazione del Market Financial Reconciliation Center (PMUM) per la regolazione dei conti delle operazioni elettriche in una nuova entità societaria, separata dalla TEIAS, denominata Energy Markets Operation Joint Stock Company (EPİAŞ) che regolerà le operazioni spot e a termine sul mercato turco sembravano ormai imminenti, ma a metà del 2014 l’EPİAŞ deve ancora essere costituita formalmente e rimangono molti dubbi se la piattaforma di scambio che avrebbe dovuto essere operativa entro ottobre 2013 potrà essere installata e resa operativa prima del 2015.

16
gen

La dimensione dell’economia e dei consumi interni di energia pongono la Turchia al sesto posto tra i paesi OCSE europei. Nel 2011, secondo le stime elaborate dall’Agenzia Internazionale per l’Energia (AIE), gli approvvigionamenti di energia primaria del paese hanno registrato un aumento record (+8,6%), superando 114 milioni di tonnellate equivalenti petrolio (Tep).

seta
default
Caricando gli articoli...
link_magnifier
#5c5c5c
on
loading
off